Catania-Lazio: Tabellino e Mixed zone

LAZIO – CATANIA 6-4 dtr (0-0; 1-1; 0-0)
Lazio: Loru, Morsa, Brugi, Shalabi, Di Nicola, Giusti, Racaniello, Saba, Nobili, D’Agostino D., Romano, D’Agostino A. All: Marco Caretto
Catania: Barbagallo, Privitera, Di Stefano, Cristaldi, Prati, Geremia, Maccarone, Bilieri, Puglisi, Campagna, La Torre, La Magna, Pulvirenti, Santonocito, Orofino. All: Andrea Sirio Silvestri.
Arbitri: Ozzella (Benevento), Schifano (Trapani).
Reti: 9’ st Puglisi (C), 10’ st Racaniello (L);
Tiri di rigore: Shalabi (L) gol, La Torre (C) gol, Brugi (L) gol, Cristaldi (C) parato, Saba (L) gol, Puglisi (C) gol, Giusti (L) gol, Orofino (C) gol, Racaniello (L) gol.

Sirio Silvestri: “Sono soddisfatto perchè i ragazzi hanno risposto con determinazione e tenacia mettendo in campo tutto quello che abbiamo provato in questi primi 20 giorni. Abbiamo dimostrato di essere all’altezza al cospetto della Lazio, gran bella squadra, la cui storia calcistica e nel Beach parla da sola. Siamo passati in vantaggio e colpa di un errore individuale l’abbiamo pagata con la sconfitta ai rigori che non ci ripaga della qualità espressa nei 3 tempi di gioco.
La nostra qualificazione passerà dalle prossime due partite ma sono convinto che con il lavoro questa squadra possa crescere ulteriormente. Va dato atto e merito alla società di puntare crede fortemente nei giovani.
L’obiettivo della società, di cui mi onoro di essere Responsabile del Settore Giovanile, è quello di coinvolgere attraverso il lavoro e promuovere il senso di appartenenza ai colori rossazzurri”.

Samuele Puglisi: “Ho guadagnato il fallo con esperienza e poi ho solo pensato a tirare il più forte possibile per cercare di fare gol e per fortuna è andata bene. Abbiamo fatto una grande partita, consapevoli di affrontare un avversario che da anni si allena in questo tipo di sport che è totalmente diverso dal calcio. Siamo stati bravi, umili e determinati nel cercare di limitarli il più possibile e devo dire che ci siamo riusciti. L’unica cosa che è mancata è quel pizzico di esperienza che ti permette di portare a casa questo tipo di partite.
L’approccio a questo sport è stato bello. A me piacciono le sfide. Devo dire che nell’arco di 10 giorni, grazie alle indicazioni del mister Silvestri, abbiamo avuto tutti un netto miglioramento e personalmente avuto la fortuna e l’onore di essere aggregato in Prima Squadra”.